Judo Club Libertas Dairago Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali CONI 
Judo Club Libertas Dairago

Kodokan Goshinjutsu 1° serie

Ryote-Dori
Ryote-Dori

Uke avanza con la gamba sinistra, afferra i polsi di Tori e cerca di colpirlo col ginocchio destro al basso ventre. Tori evita la ginocchiata ruotando sulla sinistra facendo perno sul piede destro. Contemporaneamente si libera dalla presa ai polsi: il sinistro ruotando verso l’esterno e in alto la mano (le dita ben distese col pollice e l’indice molto aperti), a rotazione ultimata, può afferrare a sua volta il polso di Uke e, serrandolo bene. lo trae al petto; il destro ruotando la mano (dita distese e unite) verso l’interno in alto e traendola a se con scatto. Continua nel movimento portando il braccio verso la sua spalla sinistra (la mano all’altezza della sua nuca e col gomito sullo stesso piano) e poi passa a colpire (con il taglio della mano) il capo di Uke all’altezza della tempia destra. Sempre tenendo serrato il polso di Uke, Tori facendo perno sul piede sinistro, ruota il corpo verso destra portando molto indietro il piede destro; impugna con la mano destra da sotto il polso destro di Uke, lo torce in avanti portandogli il palmo della mano verso l’alto e ne comprime il dorso (Waki-gatame).

Hidari-Eri-Dori
Hidari-Eri-Dori

Uke afferra con la mano destra il bavero sinistro della casacca di Tori e spingendo avanza con la gamba destra. Tori indietreggiando con la gamba sinistra afferra con la sinistra il bavero della sua casacca (al di sotto della presa di Uke) e lo trae verso l’esterno. Afferra con la mano destra (dopo aver colpito al viso Uke) il polso di Uke e, facendo perno sul piede sinistro, ruota verso destra. Contemporaneamente lascia con la mano sinistra la presa alla sua casacca e poggiatala sul braccio destro (al gomito) di Uke lo spinge in avanti verso terra; il braccio destro di Tori, pur aiutando l’altro braccio nella spinta, controlla che: il polso di Uke si mantenga più in alto della sua spalla, il braccio si sia disteso e si trovi a 90° dal busto. Portando a terra Uke, Tori, flettendosi sulla gamba destra lo controlla poggiandogli il ginocchio sinistro sul dorso, torce il polso di Uke con la mano destra portandogli il palmo verso l’alto e comprimendogli il dorso della mano stessa. Il controllo può essere ottenuto appoggiando il ginocchio sinistro sotto la cresta esterna della scapola destra di Uke spingendo con entrambe le mani il suo braccio destro verso la sua testa.

Migi-Eri-Dori
Migi-Eri-Dori

Uke afferra con la destra il bavero destro di Tori e, indietreggiando con la gamba sinistra, lo tira a se. Tori cede allo squilibrio avanzando col piede destro e colpisce con un uppercut destro il mento di Uke; afferra con le due mani il polso della mano destra di Uke rimasta afferrata al suo bavero (prima con la sinistra che impugna molto alto) e lo serra al petto; spingendo col busto chiude un po' il braccio di Uke 90° circa e ruotando sul piede destro porta il piede sinistro dietro, continua a spingere in avanti in basso col busto provocando così la torsione del polso destro di Uke che squilibrato cade (Kote-gaeshi).

Kata-Ude-Dori
Kata-Ude-Dori

Uke, che trovasi dietro e lateralmente a destra di Tori, gli afferra il braccio destro con le due mani (con la destra il polso, con la sinistra al di sopra del gomito) e, avanzando col piede sinistro, lo spinge in avanti verso sinistra (45° circa). Tori si porta in avanti col piede sinistro e colpisce col tallone destro il ginocchio di Uke; Tori dopo aver calciato riappoggia il piede alla stessa altezza del sinistro, ruota la sua mano destra (dita distese, pollice e indice molto aperti) e passa così ad afferrare il polso di Uke; fa perno sul piede sinistro, ruota verso destra portando il piede molto indietro, impugna con la sinistra il braccio destro di Uke e serrandolo al petto lo porta sotto l'ascella, girando un po' la presa con la sua mano destra provoca la torsione del braccio di Uke sino a portargli il palmo della mano in alto, poi contemporaneamente flettendosi un po' sulla gamba sinistra, spinge in basso con l'ascella la parte alta del braccio di Uke e con la mano destra fa pressione sul dorso della mano (Waki-gatame).

Ushiro-Eri-Dori
Ushiro-Eri-Dori

Uke trovasi a circa un metro e mezzo dietro a Tori. Uke avanza con il piede destro, gli afferra con la mano destra il colletto della casacca e lo tira a sé. Tori indietreggia con il piede sinistro, ruota sui talloni e proteggendosi il volto con la mano sinistra aperta e il braccio piegato a 90°, gira il busto verso Uke e lo colpisce con un diretto destro allo stomaco; Tori serra il polso di Uke pigiando il collo sulla spalla sinistra e impugnando con le due mani il braccio di Uke all'altezza del gomito spinge verso il basso (Udegatame).

Ushiro-Jime
Ushiro-Jime

Uke trovasi a circa un metro e mezzo dietro a Tori. Uke avanzando col piede destro tenta di strangolare Tori. Tori si difende abbassando immediatamente il mento al petto impedendo all'avambraccio di Uke di aderire al suo collo, afferra con le due mani (pollici all'esterno) l'avambraccio di Uke. Lo serra al petto e porta il suo piede sinistro dietro al tallone destro di Uke; Tori si abbassa, ruota sulla sinistra portandone il piede molto dietro e ruotando fa sgusciare la sua spalla sinistra da sotto l'ascella destra di Uke (lo trae a sé fino a farlo cadere bocconi, poggia il ginocchio destro a terra e, girando la presa della sua mano destra (pollice in dentro) preme sul gomito, la sinistra torce il polso di Uke): applica sul gomito destro di Uke una leva spingendo forte verso il basso con la sua spalla destra senza modificare le prese sul braccio di Uke. Camminando sempre all'indietro ed abbassandosi obbliga Uke a cadere bocconi e lo controlla appoggiando sul gomito il palmo della mano destra o il ginocchio destro.

Kakae-Dori
Kakae-Dori

Uke ad un metro e mezzo circa dietro Tori. Uke avanza con il piede sinistro e portando il piede destro lateralmente al piede (destro) di Tori tenta di avvinghiarlo all'altezza dei fianchi. Tori abbassandosi un po' sulle gambe colpisce col suo tallone destro l'avampiede (destro) di Uke, contemporaneamente portando avanti e in fuori le braccia impedisce a Uke di serrare la presa; Tori prosegue impugnando con la mano sinistra il polso destro di Uke e tirandogli il braccio verso il basso glielo serra col suo destro al petto; Tori comincia a ruotare avanzando il piede sinistro sul quale fa perno e gira la destra portandone il piede molto dietro; avendo portato così Uke sulla punta dei piedi ne approfitta per scaraventarlo con grande violenza il alto e dietro; mantenendo il suo braccio destro in leva (Ude-garami).