Judo Club Libertas Dairago Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali CONI 
Judo Club Libertas Dairago

Articolo 8

Gesti

a. Arbitro
Questi sono i gesti che l'arbitro deve eseguire mentre fa i suoi annunci:

  1. Ippon: Alzare il braccio teso al di sopra del capo, con il palmo della mano rivolto in avanti.

  2. Waza-ari: Alzare un braccio orizzontalmente al lato del corpo, con il palmo della mano rivolto verso il basso.

  3. Waza-ariawasete ippon: prima il gesto di waza-ari e poi quello di ippon.

  4. Yuko: Alzare un braccio a 45° al lato del corpo, con il palmo della mano rivolto verso il basso.

  5. Koka: Alzare un braccio piegato con il pollice rivolto verso la spalla e il gomito vicino al corpo.

  6. Osaekomi: Tendere il braccio verso i combattenti, con il palmo della mano rivolto verso il basso, piegando il corpo verso di loro e stando loro di fronte.

  7. Toketa: Alzare un braccio in avanti e agitarlo velocemente da sinistra verso destra, due o tre volte.

  8. Hiki-Wake: Alzare una mano bene verso l'alto, poi abbassarla frontalmente rispetto al corpo (con il pollice verso l'alto) e tenerla in questa posizione per qualche istante.

  9. Matte: Alzare un braccio orizzontalmente in direzione del cronometrista, col palmo della mano verso quest'ultimo (con le dita rivolte verso l'alto).

  10. Sonomama: Piegarsi in avanti e toccare i due combattenti con il palmo delle mani.

  11. Yoshi: Esercitare una certa pressione sui due combattenti con il palmo delle mani.

  12. Per annullare un'opinione già espressa: ripetere il gesto dell'opinione con una mano e alzare contemporaneamente l'altra mano in avanti al di sopra del corpo, agitandola da destra verso sinistra per due o tre volte.

  13. Hantei: Prima di annunciare l'Hantei, l'Arbitro deve alzare le mani in avanti a 45° con le bandierine giuste in ogni mano. Poi all'annuncio dell'Hantei dovrà alzare la bandierina ben al di sopra della testa per esprimere la sua opinione.

  14. Kachi: (per indicare il vincitore del combattimento): Alzare una mano al di sopra della spalla, in direzione del vincitore.

  15. Per indicare al(i) combattente(i) di aggiustarsi il judogi: incrociare la mano sinistra sulla mano destra, all'altezza della cintura.

  16. Non combattività: far roteare gli avambracci con un movimento verso l'avanti, all'altezza del petto e quindi puntare il dito indice al combattente.

  17. Per assegnare una sanzione (shido, chui, keikoku, hansoku-make): puntare il dito indice (tenendo il pugno chiuso) verso il combattente.

  18. Per indicare la registrazione di un esame medico eseguito da un dottore: l'Arbitro farà un segnale con la mano aperta verso il combattente e con l'altra mano alzerà il dito indice verso la persona addetta alla registrazione, per segnalare un primo esame e le dita indice e medio per segnalare un secondo esame (cfr. appendice articolo 29).

  19. Free Touch: (in caso di infortunio minore: sangue dal naso ecc.): alzare un braccio verso il combattente, con il palmo della mano rivolto verso l'alto.

  20. Free Examination: Alzare le due braccia verso il combattente, con il palmo delle mani rivolte verso l'alto.

  21. Falso attacco: Stendere le braccia in avanti, con le mani chiuse e fare un movimento con le due mani verso il basso.

  22. Sanzione nella zona di pericolo: Indicare la zona di pericolo con una mano, e, contemporaneamente, portare l'altra mano aperta al di sopra della testa, poi indicare l'atleta da sanzionare.

b. I Giudici

  1. Per indicare che secondo lui un combattente è rimasto all'interno dell'area di combattimento, il giudice deve alzare una mano per poi abbassarla in posizione orizzontale, (col braccio teso e il pollice verso l'alto), tenendola al di sopra della linea che delimita l'area di combattimento.

  2. Per indicare che secondo lui uno dei combattenti è uscito dall'area di combattimento, il giudice deve alzare una mano in posizione orizzontale (col braccio teso e il pollice verso l'alto), tenendola al di sopra della linea che delimita l'area di combattimento e deve quindi agitarla da destra verso sinistra, due o tre volte.

  3. Per indicare che secondo lui un'opinione espressa dall'arbitro, in base all'art. 8 (a), non è valida, il giudice deve alzare una mano al di sopra della testa ed agitarla più volte da destra verso sinistra.

  4. Per segnalare una divergenza di opinioni con l'arbitro, il giudice deve fare uno dei gesti citati nell'articolo 8 (a).

  5. Nelle situazioni di Hantei i giudici devono tenere le bandierine nelle mani giuste. All'annuncio di «hantei» da parte dell'arbitro, i giudici devono alzare simultaneamente la bandierina rossa o quella bianca sopra la testa per indicare quale è, secondo loro, il combattente che ha meritato la vittoria.

  6. Quando i giudici desiderano che l'arbitro annunci matte in «ne-waza», (quando non c'è progressione nella tecnica) devono segnalarlo stendendo le braccia, con i palmi delle mani rivolti verso l'alto, all'altezza delle spalle.

Appendice

Quando non è chiaro a quale dei due combattenti deve essere assegnato il punteggio o la sanzione, l'arbitro, dopo aver eseguito un gesto ufficiale, può all'occorrenza indicare verso il nastro adesivo rosso o bianco (posizione di inizio). Nel caso di un arresto prolungato del combattimento, l'arbitro indica al(i) combattente(i) che può sedersi a gambe incrociate nella posizione di inizio, facendo un gesto con la mano, con il palmo rivolto verso l'alto. Nel caso di yuko e di waza-ari, deve spostare il braccio all'altezza del petto e stenderlo successivamente sul fianco fino alla corretta posizione finale. L'arbitro deve mantenere il gesto koka, yuko e waza-ari mentre compie una rotazione di 90° in modo da assicurarsi che il risultato sia chiaramente visibile ai giudici. Tuttavia, mentre esegue il movimento, non deve perdere di vista i combattenti. Se entrambi i combattenti dovessero essere passibili di una sanzione, l'arbitro deve indicare alternativamente entrambi i combattenti (con l'indice sinistro in direzione del combattente alla sua sinistra e con l'indice destro in direzione del combattente alla sua destra). Il gesto di annullamento deve essere immediatamente seguito da un gesto di rettifica. L'annullamento di un risultato o di una sanzione deve essere fatto senza annunci. Tutti i gesti devono essere mantenuti da 3 a 5 secondi. Per indicare il vincitore l'arbitro ritornerà nella posizione in cui si trovava all'inizio del combattimento, compirà un passo in avanti, indicherà il vincitore e poi farà un passo indietro.

L'arbitro - I gesti

Hajime Sono-Mama Yoshi
Hajime Sono-Mama Yoshi
Matte Osae-Komi Toketa
Matte Osae-Komi Toketa
Sore-Made Ippon Waza-Ari
Sore-Made Ippon Waza-Ari
Yuko Koka Hansoku-Make Keikoku Chui Shido
Yuko Koka Hansoku-Make
Keikoku
Chui
Shido
Waza-Ari Awasete Ippon Sogo-Gachi Sogo-Gachi Kiken-Gachi Fusen-Gachi Yusei-Gachi
Waza-Ari
Awasete Ippon
Sogo-Gachi Sogo-Gachi
Kiken-Gachi
Fusen-Gachi
Yusei-Gachi
Hantei Hiki-Wake Non valutabile
Hantei Hiki-Wake Non valutabile
  Non combattività  
  Non combattività  
 

Il Giudice - I gesti

Normale posizione del Giudice Decisione Hiki-Wake 
Normale posizione del Giudice Decisione Hiki-Wake
Fuori Spostare la sedia  Dentro
Fuori Spostare la sedia Dentro